LANCIO POSTICIPATO E ALTRI AGGIORNAMENTI DALLA RAMPA

April 6th, 2011

Il lancio della missione STS-134 è stato posticipato al 29 aprile ore 3:47 p.m. EDT a causa di una sovrapposizione di impegni spaziali con un Progress russo. In questi ultimi giorni inoltre un terribile temporale aveva colpito Cape Canaveral minacciando la rampa di lancio ma fortunatamente, come confermato dal team di ispettori, non si è reso necessario alcun intervento sulla tank esterna. Stando ai nuovi programmi la Flight Readiness Review è prevista per il 19 aprile, data in cui i manager della NASA confermeranno la data di lancio ufficiale.

In ogni caso, da sabato 26 marzo AMS-02 è pronto nella bay dello shuttle!

Una volta montato nel Canister, l’esperimento è stato infatti trasportato alla rampa di lancio lunedì 21 marzo nel lento e delicato viaggio dalla SSPF, poi installato nella Payload Changeout Room (PCR), estratto dal Canister e infine installato nella shuttle bay, dove è stato subito effettuato il controllo, con esito positivo, delle interfacce elettriche e di trasmissione dei dati con lo shuttle. Nel frattempo l’equipaggio degli astronauti ha cominciato le attività preliminari al lancio tra le quali, il 29 marzo, il Terminal Countdown Demonstration Test Dress rehearsal.

Le fotografie riportate in basso sono certamente più efficaci delle parole nel raccontare la storia degli ultimi 15 giorni di AMS-02 tra la SSPF e la rampa di lancio: sono solo un assaggio degli incredibili scatti del nostro fotografo Michele Famiglietti.

Il 21 marzo il Canister è stato trasportato dalla SSPF al Pad 39A ed è stato installato, quando ormai si era fatto buio, sulla Payload Changeout Room (PCR), un’enorme struttura che permette di estrarre i payload dal Canister e di installarli nella bay dello shuttle.

Dopo la rotazione della PCR i payload sono stati installati nell’Endeavour sfruttando il Payload Ground Handling Mechanism (PGHM). Nella figura qui sopra si vede sulla sinistra il Canister appeso e sulla destra lo shuttle con la tank. In una foto scattata oggi non si vedrebbe lo shuttle: ora è nascosto dalla struttura di sinistra che ha ruotato di 90 gradi in senso antiorario.

Tutte le operazioni sui payload vengono effettuate con bracci meccanici manovrati con estrema attenzione da persone vestite come l’omino della foto qui sotto: spostare AMS-02 di pochi centimetri può richiedere ore!

Mentre per l’equipaggio prosegue l’allenamento pre-lancio, le operazioni che riguardano AMS-02 sono dedicate al test dei software e al potenziamento della capacità di controllo in remoto. La ricognizione finale sullo spettrometro è prevista tra il 7 e l’11 aprile: per gli aggiornamenti seguiteci su Twitter, Facebook e Flickr!