CAMERE GEMELLE: PRESTO LA SOSTITUZIONE

May 18th, 2010

Lo scorso weekend, all’Istituto RWTH I. Physikalisches di Aquisgrana, il magnete permanente è stato montato nella camera a vuoto cosiddetta “modello volo di riserva”. Questo magnete è un cilindro, costituito da una lega di neodimium, ferro e boro, alto un metro e del diametro di un metro, il cui campo magnetico è 3000 più intenso di quello della terra. Si tratta di un vero veterano dello spazio, che ha già volato nel 1998 per la missione STS91.

Il magnete permanente, del peso di 1,9 tonnellate che salgono a 2,9 se si considerano la camera a vuoto e le strutture di interfaccia, è un po’ più leggero del magnete superconduttore. Ma poiché sono stati progettati per lo stesso “silicon tracker”, i due magneti hanno un diametro interno identico: così sarà possibile usare le stesse interfacce tra il magnete e i sottosistemi dello spettrometro. Per questo, le camere a vuoto sembrano due gemelle.



Le due camere a vuoto identiche, costruite dal team JSC della NASA, durante le attività di integrazione di inizio 2009: una contiene il magnete superconduttore ed è montata nell’esperimento, l’altra contiene il magnete permanente e, non appena arriverà al CERN, verrà predisposta per essere scambiata con la sua gemella. Il tutto durante la prima metà di giugno.



Il magnete permanente è atteso al CERN, dove nel frattempo il team di AMS ha separato tutti i vari sottosistemi dei rivelatori: il lavoro del prossimo mese sarà interamente dedicato all’operazione di sostituzione delle due camere, mentre la successiva (re)integrazione del rivelatore terminerà nella prima metà di agosto. Entro il primo settembre, l’esperimento partirà da Ginevra per raggiungere la Florida, destinazione Kennedy Space Center.